Il rapper Clementino a Radio Club 91: “Pino Daniele mi chiamava disgraziato, gli avevo regalato una caffettiera del Napoli che quando usciva il caffè cantava Il Soldato Innamorato. 
E quando l’ho conosciuto la prima volta sono rimasto come la copertina del mio album: pietrificato”. 
Trentatrè anni, non sono pochi per un libro che parla già di sè? 
“Tanti gli artisti anche sportivi che scrivono libri autobiografici, ho cercato solo di mettere insieme le mie esperienze per raccontarle a tutti, il mio passato nei villagi e il rapporto con gli artisti di Napoli come fosse un diario di viaggio dei miei 33 anni. Tra 20 anni ne farò un altro. Con questo libro volevo far scoprire Clementino al di fuori del rap. 
Oggi grazie a questo libro – ironizza – tutti sanno che ho lavorato nei villaggi turistici”. 

Categoria:

news

Tags:

,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*